Monthly Archives: February 2020

  1. Dormire bene evita il raffreddore, vero o falso?

    Alcune persone credono che dormire bene eviti di ammalarsi di raffreddore. Vero o falso? L’abbiamo chiesto al professor Carlo Selmi, responsabile di Reumatologia e immunologia clinica di Humanitas e docente all'Università di Milano. “Vero. Dormire bene,e soprattutto dormire a sufficienza, cioè non meno di 7 ore per notte, aiuta a ridurre le probabilità di ammalarsi di raffreddore – dice il professore – Un sonno adeguato, continuo e di buona qualità, infatti aiuta il sistema immunitario a funzionare in maniera efficiente ed efficace e quindi aiuta anche a respingere il virus del raffreddore, come dimostrato da uno studio americano. Chi dorme 7 ore, infatti, ha la metà delle probabilità di prendere il raffreddore rispetto a chi ne dorme solo 5 o 6, secondo i test effettuati durante la ricerca: i volontari, esposti al virus del raffreddore contenuto in gocce nasali, avevano maggiori probabilità di combattere il virus e non ammalarsi di raffreddore se dormivano almeno 7 ore per notte.

    Continua »
  2. Cisti del pancreas, quali sono i fattori di rischio?

    Come diversi altri organi anche il pancreas può essere interessato dalla formazione di una cisti, ovvero di una piccola sacca contenente del liquido. «Ne esistono di diverse tipologie, nella maggior parte dei casi non hanno un significato maligno, ma è comunque compito dello specialista valutare la problematica clinica e definire il tipo di intervento alla luce delle caratteristiche della cisti», ricorda il professor Alessandro Zerbi, responsabile chirurgia del pancreas di Humanitas e docente di Humanitas University. Le cisti pancreatiche sono per lo più formazioni tumorali tendenzialmente benigne . Negli anni è aumentato il numero di pazienti ai quali sono state diagnosticate: «Da quando gli esami strumentali (ecografia, Tac e risonanza magnetica) sono diventati più frequenti e sofisticati è stato più facile rilevare la presenza di cisti al pancreas in modo casuale», spiega il professore. «Spesso i pazienti si sottopongono questi esami per eventi acuti quali, per esempio, una col

    Continua »